He who types

rielaborazione photoshop di questo

quando passo io, i semafori sono puntuali

tutti i giorni,
alla stessa ora,
attraverso la strada
nello stesso punto.

il semaforo per i pedoni è rosso,
e lo è anche per le macchine.

un giorno, mi sono dedicato a studiare
quelle tornate semaforiche.

forse ci ho capito qualcosa,
ma, in ogni caso,
non è che ci presti attenzione.

tra i miei mali
non trova spazio
questa fissa.

insomma,
con un atto di coraggio
attraverso e,
appena sono salito sul marciapiede opposto,
il semaforo per le auto
diventa verde.

immancabile,
un autista mi guarda
malissimo.

l’incorruttibile semaforo
continua a guardare in un’altra direzione.

ma, ormai, io so
di godere di grande considerazione
presso di lui,
e, ogni giorno,
lo metto alla prova.

non mi tradisce mai.

vi prego, non fucilatemi.
lasciatemi vivere un altro giorno.

domani mi stirano.
domani.

quasi amore

a volte nascosti
e illuminati al piano terra
quattro stelle
briglie sciolte
alla ricerca di quello
che c’è di così difficile da comprendere
nel vuoto d’aria
del rivolto del ricciolo
del bambino

dirti normale
è il miglior complimento
che ti potessi fare