flash

tra il buco del culo e l’acqua
a bocca aperta
come il cucciolo dove c’è poco da mangiare
sfaccendato,
all’ombra di un filare,
l’italiano medio, con in mano
il punto di domanda di cartone.

una guerra civile sublimata,
calmierata dalle maglie
di malaffare e corruzione

un’opinion di qua e di là,
qualche parere,
veramente a me così hanno parlato

e doveva d’informarsi di più e meglio,
ma rammenti,
il problema non è la sua questione,
ma un promemoria appuntato chissà dove,
scrivania di favore.

ed un fascio di cartacce e cartuscielle,
istantanea, demente soluzione,
barzelletta di paese o condominio

ma chissefrega, poi, come esco,
ho la varia, inimitabile visione.
cambierà, sì, quando qualcuno
renderà tutte le cose un po’ più facili

e hai ragione, amico mio,
se così non ragionassi,
quest’italia sarìa vota,
io mi credo e poi mi spero
che colonia noi saremo,
affidando in buone mani
questo nostro cuor leggero.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.